Ognuno di noi è una Luna:ha un lato oscuro che non mostra mai a nessun altro - M Twain


DINAMICHE LUNA-NETTUNO


Se nel tema natale la LUNA è in rapporto con NETTUNO possiamo dare il via a svariate interpretazioni. Ma sarà il resto della carta di nascita a suggerire le più adeguate.

 

Vi è molto probabilmente un bisogno di fusione che non conosce eguali, l’esigenza di smarrirsi al cospetto di particolari situazioni, spogliando la persona in questione di qualcosa che in un certo senso gli appartiene a favore di qualcos’altro di più vasto. Nel momento in cui si tratta del rapporto tra madre e figlio, questo meccanismo può diventare spossante a causa del fatto che si innescano dinamiche che hanno a che vedere con la dipendenza emotiva. Questo accade poiché l’aspetto tra Luna e Nettuno porta la madre a instaurare un rapporto fortemente simbiotico e di interdipendenza col proprio figlio, offrendo sé stessa in sacrificio per soddisfare tutte le sue necessità, per tutelarlo da qualsivoglia minaccia possa ledere la sua esistenza. Vengono così innalzate delle mura all’interno delle quali il figlio si trova sicuramente in una posizione di totale sicurezza, da cui però non ha possibilità di uscire per poter fronteggiare il mondo autonomamente. Egli resta quindi imprigionato, vivendo una perpetua fase lunare che fa di lui un eterno fanciullo, incapace di crescere e di assumersi delle responsabilità proprie, faticando ad affrontare la vita, nella quale molto probabilmente ripone aspettative che verranno deluse.

 

Un’altra possibilità da considerare è quello di una madre che può aver vissuto un significativo dramma personale. In tal caso è probabile che il figlio ha assistito più volta al pianto della madre, oppure ha in qualche modo accompagnato il progredire di una sua malattia o stato depressivo, trovandosi a doverla supportare, sopportando i suoi continui lamenti. Si è quindi dovuto far carico di tale responsabilità, attivandosi costantemente nel tentativo di vederla sorridere,  ma al contempo provando un senso di impotenza che stringe la mano alla propria infelicità a causa della totale assenza di frontiere tra i bisogni materni ed i propri. Tutto questo lo porta a non riuscire a riconoscere la propria strada in quanto sempre avvinghiato da suddette preoccupazioni che lo rendono incapace di portare avanti scelte proprie poiché disturbato dal dover risolvere la disperazione materna.

 

Indipendentemente da quale sia la dinamica che affiora dal rapporto Luna-Nettuno nel tema, vi è una difficoltà di base nell’entrare in contatto con la propria individualità e nel comprendere i propri reali desideri. Conseguentemente i soggetti più fragili rischiano di camminare su sentieri poco consoni, ricercando sublimazioni emotive che spesso si rivelano illusorie, devastanti, falsamente estasianti. Sia chiaro che questa non è certo una regola fissa, poiché talvolta l’istinto compensatorio può prendere forma mediante un desiderio di amare il prossimo, di assolvere compiti missionari, di fare dono della propria generosità. Tutto questo può però condurre al proprio “annullamento” poiché il sacrificarsi per gli altri diventa una compensazione esterna che crea a sua volta una nuova simbiosi estremamente vincolante. Da qui il sorgere di una sofisticata forma egoistica data da questo principio di dedizione che se da un lato si esprime sottoforma di aiuto, dall’altro non invita all’indipendenza, ma a un costante e coercitivo bisogno da parte di chi riceve l’aiuto.

 

 

Chi possiede un aspetto tra Luna e Nettuno nel tema natale si muove verso la ricerca di persone e cose capaci di colmare il proprio vuoto interiore. Il senso di solitudine che accompagna ogni suo passo alimenta istinti compensatori fatti di fusione e dipendenza emotiva. La liberazione risolutrice consiste nell’addentrarsi in una ricerca di tipo spirituale, nell’amalgamarsi con una filosofia di vita che possa fare da ponte a una partecipazione profonda con la propria creatività, fantasia, inventiva. Abbandonarsi a un mondo metafisico per poi poter ricontattare la propria anima.