Luna e Marte – una lancia nel cuore

RAPPORTI LUNA - MARTE: una lancia nel cuore

“Cado agonizzante, l’anima s’affligge.

Ancora miri il bersaglio: la tua spada ferisce!”

Nonostante le enormi differenze che intercorrono tra luminare e pianeta personale, entrambi hanno un denominatore comune: reagiscono. La Luna lo fa mediante una predisposizione inconscia, Marte in seguito a un’azione esterna che da vita a una reazione. Si, perché quest’ultimo prima di essere aggressore, guerriero, combattente, è uno strumento di cui il Sole di nascita dispone per passare al contrattacco, per difendersi, muovendosi solo dopo essere stato stimolato. Vengo spesso criticato quando propongo questa visione del pianeta rosso, ma se ci pensiamo bene ogni azione dell’essere umano, anche la più istintiva, è subordinata a una sollecitazione, sia essa interna od esterna.

Nei rapporti Luna – Marte la parte ricettiva e sensibile incontra quella battagliera e talvolta dissennata: forti reazioni emotive si fondono con il bisogno di conseguire i propri desideri nel tentativo di consacrare la pace dell’anima. E se la relazione che intercorre tra questi due protagonisti è di sestile o di trigono, nella maggior parte dei casi tutto dovrebbe risultare più fluido e naturale.

Ma che cosa accade se si trovano in opposizione o addirittura in quadratura tra loro?

In linea generale chi possiede rapporti Luna – Marte è tendenzialmente suscettibile, capace di mostrarsi a tratti indifferente e a tratti oltremodo irritato. Si divide tra sofferenza, turbamento, agitazione, impazienza, desiderio di fare e al contempo timore di farlo. Tutto questo ha origini ben precise che devono essere ricercate nell’infanzia e in particolare nel primissimo rapporto d’amore: quello con la madre. Forse quest’ultima non si è mostrata pronta nel soddisfare i bisogni del bambino, o comunque non è stata percepita sufficientemente dolce, rassicurante, accogliente. Probabilmente ha mostrato disattenzione, è stata frettolosa, grossolana, magari distratta dalla sua carica energetica, dirottata verso impegni esterni. O ancora particolarmente angosciata, vittima della sua ansia e perciò non adeguatamente preparata a sopperire ai naturali bisogni del figlio.

Tutto ciò si traduce in un senso di inadeguatezza in un soggetto che porta con sé un aspetto tra Luna e Marte nel proprio tema natale. C’e la voglia di chiedere ma la difficoltà nell’ottenere. Una spinta emotiva che muove verso la ricerca di sicurezze e che precipita nella delusione più profonda, poiché non ci sono mezzi appropriati perché tali sicurezze vengano confermate.

Le necessità di base suggeriscono modalità comportamentali che possono non essere in linea con le capacità personali, oppure gli strumenti utilizzati per raggiungere l’appagamento emotivo non sono in linea con le reali necessità che devono invece essere soddisfatte.

Riuscire a riequilibrare queste due forze non è un gioco da ragazzi. Solo il percorso evolutivo potrà concedere risposte adeguate sul come poter integrare al meglio queste due energie. Per imparare prima di tutto che è possibile osare senza compromettere la propria incolumità, che emotività non fa rima con debolezza. E che “sentire” ciò che l’anima timidamente sussurra può essere meritevole di una libera e lecita conquista.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Daniela

    bella descrizione grazie

  2. Filomena

    Mi ci ritrovo in pieno!!! Luna quadrata marte

Lascia un commento