Notte di San Lorenzo 2020

IN QUESTE NOTTI IL CIELO SI RIEMPIRA’ DI LUCI

Non solo durante la notte di San Lorenzo ma anche nei giorni precedenti e successivi potremo ammirare innumerevoli scie luminose che taglieranno l’oscurità sopra di noi.

Il 10 agosto di ogni anno è tradizione osservare le Perseidi, un esercito di meteoriti che il nostro pianeta attraversa in questo periodo percorrendo la propria orbita intorno al Sole. Le lacrime di San Lorenzo, martire cristiano di presunte origini spagnole, leggendariamente arso vivo su una graticola intorno al 258 in seguito alla persecuzione voluta dall’imperatore Valeriano, torneranno a riversarsi nel cielo, tenendo fede all’appuntamento astronomico che ogni anno affascina molti di noi.

Questa manifestazione si verifica proprio in questi giorni dell’anno, periodo in cui la Terra, durante il suo tragitto di rivoluzione, attraversa dense nuvole di polveri e detriti depositati dalle comete lungo la loro orbita attorno al Sole.

Ciò che oggi possiamo osservare con tanto interesse è strato per la prima volta spiegato nel lontano 1866 da Giovanni Virginio Schiaparelli, grande astronomo italiano di origini piemontesi. 

Quest’anno il picco massimo è previsto nella notte tra l’11 e il 12 agosto, mentre il momento migliore per osservare il cielo sarà a notte fonda: le meteore diventeranno più frequenti un’ora dopo la mezzanotte e  con un pizzico di pazienza sarà possibile coglierne anche una al minuto.

Alziamo lo sguardo.

Catturiamo una stella.

E affidiamole un sogno.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo!

Lascia un commento